I DIARI DELL'AMMINISTRATORE N° 08 DEL 05/11/2014


Un'azienda dove tutti contano
L’idea è partita dalla nuova responsabile dell’ufficio personale: condividere con i dipendenti dei vari settori le strategie aziendali, i valori e gli obiettivi della nuova generazione overnance. Tre riunioni che hanno visto riunirsi gli uffici di vari settori, circa sessanta persone delle varie aree: amministrativo, personale e segreteria, poi Taormina, impianti, acquisti e raccolta differenziata ed infine servizi ed autocentro. Una mattinata intensa ricca di riflessioni, idee, confronto e dove tutti sono stati protagonisti. La Messinambiente che stiamo costruendo è un’azienda nuova. Che cerca di svoltare dalla continua gestione delle emergenze ad una corretta programmazione delle attività. Che sta al passo con i tempi con le evoluzioni normative e vuole cambiare tutte le sue procedure. Un’azienda dove gli obiettivi guardano al medio periodo e non sono imposti dall’alto ma costruiti con il protagonismo dei lavoratori. Un’azienda che cerca di superare le proprie grandi difficoltà puntando sulla dedizione, sulle competenze, sulle professionalità. Vogliamo ricostruire un ambiente di lavoro dove si contrastano le divisioni e si ricostruisce comunità. Un ambiente dove tutti cercano di riportare sui giusti binari la propria azienda, dove tutti si sentono protagonisti. Ieri abbiamo scritto una pagina importante di questo percorso ed è stato merito di chi ha avuto l’idea ma di tutti quanti ci hanno creduto, di chi ha speso ore di lavoro anche a casa per la preparazione e di chi è venuto e ne è uscito contento, soddisfatto di sentirsi parte di una grande ed importante cambiamento per la città, per la propria comunità. Una giornata bella ieri in azienda, una giornata che ha dato nuovo impulso al percorso di dignità, equità e verso l’eccellenza che vogliamo fare nostro. Abbiamo incontrato ieri tanto coraggio, voglia di fare in ogni settore.

Tra i tanti interventi mi ha colpito quello di un dipendente che alla fine della riunione ha affermato che per la prima volta, dopo 16 anni di lavoro in azienda, aveva avuto modo di parlare apertamente e di sapere da chi è composta e dove vuole andare l’azienda. Piccoli, grandi segni che incoraggiano a fare sempre più e meglio. Da questa mattinata parte un laboratorio di buone idee “Messinambiente Lab” dove nasceranno almeno dieci nuovi obiettivi, ideati dai lavoratori, per migliorare l’azienda. Un’idea lanciata dal collaboratore Stefano Di Polito che è una delle anime di questo percorso, che può unire e far crescere le forze migliori dell’azienda. Ho voluto citare alla fine di ogni riunione alcune righe di un bellissimo libro “La morale aziendale” di Sergio Casella quando scrive: Far tornare a casa le persone, la sera, appagate e felici per ciò che hanno fatto è la cosa più importante che possiamo fare perché mantengano la propria dignità e la stima di se stesse e possano migliorarsi, migliorare le loro vite e così quelle di coloro che le circondano. Voglio ringraziare tutti ma, anche per galanteria, Agata Santacroce e Ketti Fisichella che hanno costribuito non poco a rendere quella che era una riunione con i vari settori, un momento essenziale per il nuovo corso che stiamo costruendo. Andiamo avanti perché la strada è lunga ed abbiamo bisogno di tutti.